Banner-Logo

Riflettere in modo critico

Cosa significa riflettere in modo critico? Come possiamo applicare il pensiero critico alle questioni globali?

Introduzione

Tutti i giorni riceviamo un vasto numero d’informazioni e prendiamo molte decisioni basate su queste informazioni. Per esempio, potreste decidere di prendere l’ombrello per andare a scuola perché le previsioni del tempo dicono che pioverà. Il pensiero critico è quando mettiamo in dubbio la nostra opinione istintiva e raggiungiamo un giudizio più bilanciato e meditato sulle informazioni che stiamo vedendo, ascoltando o leggendo. Per esempio, prima di decidere se prendere l’ombrello, potreste chiedervi a che ora pioverà, quanto forte, ecc.

Pensare in modo critico significa farsi queste domande:

  • Chi l’ha detto o chi l’ha scritto?
  • Questa informazione è attendibile?
  • Ci sono prove o testimonianze a supportarla?
  • La persona è qualificata per parlare dell’argomento?
  • La persona ha un interesse personale sull’argomento?

Attività: Le sei domande

L’attività delle sei domande è un metodo per pensare in modo critico a un problema. La potete usare per farvi le sei domande chiave su qualsiasi tipo di tematica o argomento.

Chi? Chi l’ha detto?
Qualcuno di cui vi potete fidare?
Perché?
Cosa? Cosa ha detto?
Ha parlato di fatti od opinioni?
Ha tralasciato qualcosa d’importante?
Dove? Dove l’ha detto?
In pubblico o in privato?
Le persone potevano esprimere opinioni differenti?
Quando? Quando l’ha detto?
L’ha detto per influenzare un evento successivo?
L’ha detto per rispondere a un evento precedente?
Perché? Perché l’ha detto?
Cercava di portare altre persone a riflettere o a fare qualcosa?
Come? Come l’ha detto?
Ha usato un linguaggio emotivo o non obiettivo?
Se hai guardato un filmato, ha usato una musica o degli effetti commuoventi?

Mettere in pratica il pensiero critico

Guardate questi filmati, articoli di giornale e siti web sulla crisi dei rifugiati nel Mediterraneo e pensate in modo critico a quello che dicono loro e le loro fonti rispondendo alle sei domande.
Questo filmato è stato pubblicato da Al Jazeera, un’emittente globale di notizie di proprietà del governo del Qatar. All’inizio era in arabo, prima che si espandessero all’inglese nel 2003. Al Jazeera dice che è editorialmente indipendente dai proprietari, anche se l’emittente è stata contestata dalla critica. Al Jazeera è una delle emittenti di notizie più grandi al mondo insieme alla CNN, alla BBC e alla RFI. Molti spettatori credono che offra un punto di vista alternativo ai notiziari dell’America settentrionale e dell’Europa.
Questa è una pagina del sito web odei Medici Senza Frontiere (MSF). MSF è un’“organizzazione umanitaria medica, internazionale e indipendente” che fornisce ricerca, soccorso e navi di aiuto medico per assistere i rifugiati dell’area del Mediterraneo. MSF è impegnata a “essere testimone e dire la propria” per far sì che la gente e i decisori politici siano più consapevoli delle emergenze umanitarie.
Mashable è un’“azienda mediatica globale che informa, ispira e intrattiene la generazione digitale”. Utilizza i social media e una nuova tecnologia digitale per condividere le sue storie.
Il Daily Express è un giornale scandalistico inglese. La sua posizione editoriale è frequentemente di “destra” (a livello politico).

Prendete appunti delle risposte alle sei domande sulla tabella, usando una tabella per ogni esempio. Le vostre opinioni e giudizi sono cambiati pensando in modo critico alle prove?

La catena dei perché-perché-perché

La catena dei perché-perché-perché aiuta a pensare al di là del primo pensiero che vi viene in mente e permette di esaminare un problema in profondità e nel dettaglio.

Questo è un esempio di una catena dei perché-perché-perché che risponde alla domanda: Perché le persone si trasferiscono in Italia da altri Paesi?

Adattato da Guida alla cittadinanza globale per i docenti (in inglese) di Oxfam GB 2015.

Attività

Ora provate a fare una catena dei perché-perché-perché. Potete fare quest’attività da soli, ma è meglio farla a gruppi di due o tre.

Iniziate scrivendo una domanda sulla parte sinistra del foglio. Per esempio “Perché le persone attraversano il Mediterraneo per raggiungere l’Europa?”

Successivamente, scrivete i tre motivi più importanti (i perché) alla destra del problema e collegateli con le frecce. La direzione di ogni freccia mostra che credete che il problema alla fine della freccia sia la ragione per cui si verifica il primo problema.

La tua catena dei perché-perché-perché dovrebbe assomigliare a questa qui sotto:

Queste tre risposte ora diventano il problema al quale volete rispondere con più motivazioni possibili. Ripetete questo procedimento quante volte credete sia necessario e usate le frecce per mostrare come sono collegati i problemi. Quando avete finito, dovreste avere capito che spesso gli eventi hanno molte cause interconnesse e che sono molto più complessi di quanto appaiano.