Banner-Logo

Valutare le azioni

Quali aspetti dell’azione vogliamo valutare?
Cosa possiamo imparare dall’esperienza?
Cosa possiamo migliorare?

Guardando indietro

La valutazione è una parte molto importante di qualsiasi progetto o lavoro. Infatti, prendere l’abitudine di valutare tutto quello si fa è una buona pratica ad ogni età. Non aspettate che un adulto valuti una vostra azione o un vostro risultato, potete farlo da soli!

Lo scopo della valutazione non è prendere un buon voto, ma analizzare quanto siete andati vicino all’obiettivo e riflettere su tutto quello che avete imparato durante il percorso. Tutto ciò vi aiuterà a migliorare le vostre azioni future.

Ecco alcune tecniche per aiutarvi ad analizzare i vari aspetti delle azioni.

Valutazione del progetto

Riunite il vostro gruppo e sedetevi in cerchio per discutere dei principali aspetti del vostro progetto. È molto importante prendere nota dei commenti e dare abbastanza spazio a ogni membro del gruppo in modo che possa esprimere le proprie idee senza essere giudicato.

Aspetti:

  • Le opinioni generali sull’azione (cosa ne pensano i membri del gruppo dei risultati dell’azione).
  • Il processo di organizzazione interna (come si sono sentiti i membri del gruppo durante la fase di realizzazione, come sono stati svolti i compiti).
  • La comunicazione interna al gruppo (come sono stati condivisi i compiti, come ha comunicato il gruppo).
  • La comunicazione esterna (come sono stati informati e coinvolti nell’azione gli stakeholder).
  • Le lezioni che sono state imparate (cosa hanno appreso i membri del gruppo da questa esperienza).
  • Continuazione (cosa possono fare i membri del gruppo in seguito).

Valutazione personale

Le tre sedie

Sedetevi in cerchio con delle sedie e lasciate tre sedie vuote. Scrivete su di esse:

  • Quello che mi è piaciuto di più è stato...
  • La cosa più complicata è stata...
  • Vorrei dire che...

In modo casuale chiedete a ogni membro del gruppo di spostarsi su una sedia vuota ed esprimere in un minuto il proprio pensiero sull’azione in base a quanto scritto sulla sedia. Ripetete questo processo finché tutti avranno espresso la propria opinione.

La valigia, la lavatrice e il cestino

Prendete tre cartoncini e disegnate su ognuno di loro uno di questi oggetti: una valigia, una lavatrice e un cestino della spazzatura. Distribuite tre post-it di colori diversi (uno per ogni simbolo) a ogni membro del gruppo e chiedetegli di scrivere quello che vi chiediamo qui sotto e poi di attaccarli sui cartoncini:

  • Sul post-it per la valigia - scrivete cosa vi portate a casa da questa esperienza.
  • Sul post-it per la lavatrice - scrivete cosa vi è piaciuto ma poteva essere fatto in maniera differente.
  • Sul post-it per il cestino - scrivete quello che non vi è piaciuto dell’esperienza.

Raccogliete insieme i post-it secondo i risultati principali, fate una riflessione e commentate.

Come dare un feedback

Il feedback è un commento su qualcosa che ha fatto o detto qualcuno. Può essere positivo o critico, in senso negativo.

Dare e ricevere dei feedback è una vera e propria competenza, quindi dovete aiutare i membri del vostro gruppo a imparare come fare. Troppo spesso il feedback è ricevuto come una critica distruttiva, anche se non è l’intenzione di chi parla. Le parole chiave riguardo al feedback sono “rispetto” e “spiegazione”.

Quando date un feedback è importante rispettare l’altra persona, focalizzarsi su quello che ha detto o fatto e dare spiegazioni riguardo al vostro punto di vista.

Concorderete sul fatto che è meglio esprimersi dicendo:
“Sono in forte disaccordo con quello che hai appena detto perché...”
rispetto a:
“Come puoi essere così stupido, non vedi che...?

Dare un feedback negativo è qualcosa di molto facile per alcune persone, ma può essere doloroso per chi lo riceve.

È importante trovare modi per assicurarsi che le persone diano dei feedback di supporto, non di critica negativa. Lo si può fare, per esempio:

  • Controllando che le persone diano un feedback usando un’affermazione positiva.
  • Rispettando l’altra persona, evitando commenti dispregiativi.
  • Focalizzandosi sul comportamento in quel determinato contesto e non sulla persona.
  • Dando una spiegazione chiara di quello che si afferma.
  • Prendendosi la responsabilità di quello che si dice usando frasi in prima persona.

Ricevere un feedback è difficile, soprattutto quando c’è un disaccordo. È fondamentale aiutare le persone a imparare dalle loro esperienze e farle sentire sostenute e non criticate.

Incoraggiate le persone ad ascoltare attentamente i feedback senza difendere se stesse o la propria posizione immediatamente. È importante soprattutto che le persone capiscano esattamente il significato del feedback che viene dato e che possono prendersi tutto il tempo necessario per valutare quello che è stato detto prima di accettarlo o rifiutarlo.